Bali, l’Isola degli Dei, è conosciuta da lungo tempo come un piccolo paradiso per la natura rigogliosa, le risaie verdi che si stendono a perdita d’occhio, il mare azzurro ed i vividi colori dell’Oriente. Il paesaggio è vario e non stanca mai: si passa dalle spiagge bianche e finissime della zona meridionale a quelle vulcaniche a nord, mentre la parte centrale è occupata da montagne sulle quali svetta come un gigantesco Ciclope il Gunung Agung, il Vulcano che veglia sull’isola e ne garantisce la fertilità del suolo. Il profumo dell’incenso vi accompagnerà durante il viaggio: ogni giorno a Bali è tempo di festa, di preghiera e di coloratissime cerimonie, durante le quali si vedono gli abitanti sfilare in strada recando statue di divinità e cesti colmi di offerte votive. E’ forte la sensazione di essere in un mondo dove la religiosità è ancora profondamente radicata nell’animo umano, dove il senso religioso si manifesta nel profondo amore e rispetto per la natura, nei bellissimi templi che accolgono ogni giorno centinaia di fedeli e visitatori, nelle affascinanti ed ipnotiche danze rituali condotte dagli abitanti dei villaggi. Forte il senso di “magia”, di misticismo e di mistero, che si respira nell’aria e del quale, anche solo per poco, si può essere parte. E come non immergersi in questo abbraccio di colori, come non visitare i bellissimi palazzi ed i giardini ricchi di fontane e vasche, per ammirare piante e fiori dai colori strani ed inusuali, mentre un idoletto di pietra dal fare ambiguo vi guarda quasi a voler proteggere il luogo ed ammonire al rispetto.

La squisita gentilezza balinese non è leggenda, ma realtà. E’ bello lasciarsi contagiare dal sorriso dei suoi abitanti, dal profumo del frangipane ed abbandonarsi ad un massaggio rilassante in una delle tante Spa, dimenticando per un attimo le preoccupazioni della vita quotidiana. E’ bello cenare in un caratteristico ristorantino, gustando sapori nuovi e piatti deliziosi.
E in aggiunta a tutto questo, la scoperta di un mare che sicuramente regala emozioni.

PEMUTERAN e MENJANGAN
La zona di Pemuteran e la costa nord di Bali presentano un paesaggio pittoresco: le spiagge di sabbia scura e vulcanica, le risaie smeraldine ed i vulcani javanesi in lontananza creano un incantevole scenario con le palme da cocco e le foreste naturali che sono comuni in questa parte dell’isola.
La regione di Pemuteran offre grandi opportunità per il diving e lo snorkeling, con 15 siti d’immersione, accessibili ai divers di ogni livello, ed è una porta d’ingresso per l’isola di Menjangan e per il suo famoso Parco nazionale. Le barriere coralline più vicine alla costa sono ideali anche per lo snorkeling, mentre la barriera che circonda l’isola è caratterizzata da spettacolari pareti verticali, ricche di colori e di vita: spugne, enormi gorgonie che si aggrappano alle pareti, tonni, jack-fish, pesci angelo e tartarughe. La zona si presta bene anche alle immersioni notturne.
Ci sono siti come Temple Point, localizzato nella punta settentrionale dell’isola di Menjangan, dove si possono vedere nudibranchi e pesci coccodrillo, oppure Garden Eel : un fondale sabbioso poco profondo con enormi gorgonie, spugne a barile, coralli, pesci angelo, pesci leone, scorpione, anemoni, seppie, frog fish, mandarin fish, pesci napoleone e branchi di pelagici. Coral Garden, situato a nord, è invece una parete che scende fino a 40 metri, caratterizzata da gorgonie, coralli molli e spugne, buon posto per avvistare squali da reef a pinna nera.
Non mancano le emozioni per gli amanti dei relitti: a nord ovest di Menjangan si trova Anker Wreck: ad una profondità di 45 metri questo relitto di 25 metri contiene un vasto assortimento di ceramiche, bottiglie ed altri oggetti in quella che un tempo era la stiva ed è ricoperto da una colonia di coralli molli. Gli amanti della macrofotografia rimarranno affascinati dalla varietà di vita marina di Secret Bay o Puri Jati, più lontani ma facilmente accessibili da Pemuteran. Grazie alla combinazione di correnti, le acque di Secret Bay ospitano una grande quantità di specie, alcune delle quali mai viste prima; fra queste nudibranchi, gobies e dragonets, ma soprattutto una grande varietà di anglerfish (rane pescatrici) – ce ne sono 4 specie diverse – pesci scorpione e leone.
Ad est di Pemuteran sono localizzati Napoleon Reef, caratterizzato da spugne, coralli molli e gorgonie, Close Encounters per il pesce grosso come tonni e barracuda e House Reef, sede di un progetto di ricostruzione artificiale del reef.
Le possibilità di alloggio in zona sono varie e interessanti; tutte garantiscono ambienti raffinati ed eleganti, massimo comfort e relax dopo una giornata di immersioni.

TULAMBEN
Tulamben è un piccolo villaggio situato sulla costa nord-est di Bali. L’area è dominata dalla inconfondibile presenza del Monte Agung. Il paesaggio è molto caratteristico: lunghe spiagge di sabbia nera, contornate da palme e lambite dalle acque cristalline e spumeggianti.
La baia di Tulamben è oggi uno dei siti diving più celebri dell’Indonesia, grazie alla diversità ed alla ricchezza dei suoi siti: pareti verticali, relitti famosi come l’USS Liberty, colosso di 120 metri affondato durante la Seconda Guerra Mondiale e oggi diventato proprietà del mare che lo ha ricoperto di coralli. Assolutamente imperdibile per gli amanti del video e della fotografia, il Liberty è anche un’immersione facile e che si può effettuare persino dalla spiaggia.
Altra attrattiva è la macrofotografia, per il contrasto fra i colori e la sabbia scura nei siti di Seraya Secrets e Noisy Reef. Seraya Secrets è un vero paradiso per fotografi: i soggetti sono innumerevoli, pipefish, mimic octopus, frogfish, sono solo alcuni. Le condizioni del mare in questa zona sono in genere eccellenti con una temperatura dell’acqua che si aggira sui 26-29 C°, senza forti correnti e questo rende la zona adatta ad immersioni di qualsiasi livello, con possibilità di fantastiche immersioni notturne.
Drop Off si trova nella punta meridionale della baia con una parete ricoperta di coralli e gorgonie, dove c’è buona probabilità di vedere cavallucci marini pigmei e pesce grosso, mentre Coral Garden, situato a metà della Baia, è un buon sito per la macrofotografia.

COPYRIGHT Dive Time Tours Srl – Vietata la riproduzione di testo ed immagini

   Send article as PDF